Aeroporti e collegamenti in Toscana. E’ il momento di progetti ambiziosi!

E’ il momento propizio, grazie al PNRR e al Next Generation Ue, di colmare le lacune infrastrutturali che negli anni hanno rallentato uno sviluppo sostenibile della Toscana.

Il nodo aeroporti è sicuramente uno di quelli da sciogliere per permettere alla nostra Regione, la più bella del Mondo, di avere una centralità nei traffici delle rotte aeree in modo da accogliere direttamente visitatori da ogni parte del Pianeta.

Gli investimenti previsti e già decisi per l’allargamento e l’adeguamento del Galilei devono andare avanti ed essere realizzati.

Da questo punto di vista la posizione del Partito Democratico è sempre stata molto chiara.

Dobbiamo disporre in modo che Pisa possa diventare un grande scalo per il traffico soprattutto lowcost, mentre Firenze disponga di un city-airport.

Due progetti diversi che possono contribuire però allo stesso obbiettivo: fare in modo che la Toscana sia facilmente raggiungibile.

Al contempo serve però mettere mano alle infrastrutture presenti e consentire collegamenti veloci tra la costa toscana e Firenze. Come indicato dal Presidente della Regione, Eugenio Giani, questo significa adeguare la Fi-Pi-Li e fare in modo che la tratta ferroviaria disponga di treni verdi e più rapidi. Una buona rete di collegamenti è indispensabile per fare in modo che tutte le meravigliose città toscane possano essere facilmente raggiungibili dai cittadini toscani in primis, ma anche dai turisti. Non è più rinviabile, ad esempio, la realizzazione della Tirrenica. E serve un interscambio veloce fra i porti di Piombino, Livorno e Carrara con la rete stradale e quella ferroviaria. Vanno infine potenziati anche i collegamenti ferrotranviari fra Lucca-Pisa e Livorno. Un lavoro non certo semplice, ma che grazie alle risorse del PNRR e al Next Generation Ue, possiamo mettere in moto.

Articoli scritti da Lucia Ciampi