Bene le misure della Ministra Azzolina. Ora occorre coinvolgere le insegnanti!

Le misure messe in campo dal governo e dal Ministro Azzolina per promuovere la formazione a distanza, cercando di sostenere l’impegno dei docenti e garantire a tutti gli alunni strumenti tecnologici adeguati, sono ampiamente condivisibili e rafforzano il ruolo educativo e sociale della scuola.

E’ altrettanto opportuna l’iniziativa del Ministro di predisporre piani di azione differenziati per permettere lo svolgimento adeguato degli esami di Stato e di Maturità.

E’ però necessario, oltre alla didattica ed alla valutazione, porre l’attenzione sul tema dell’apprendimento: la completa fruibilità delle lezioni online non possono infatti sostituire la preziosa interazione continua tra alunno e insegnante che è spesso decisiva per far assimilare le nozioni agli studenti.

Si tratta di un processo cognitivo diverso da ragazzo a ragazzo, che non può essere demandato esclusivamente alle famiglie e che potrebbe creare difficoltà nel prossimo anno scolastico evidenziando lacune poi difficilmente colmabili.

Questa problematica deve essere affrontata per tempo dal Ministero coinvolgendo direttamente il corpo insegnante, perché realmente nessuno venga lasciato indietro.

Articoli scritti da max.frosini