Buon 1° Maggio!

L’1 Maggio è la Festa del Lavoro e dei Lavoratori. Una data fondamentale per il nostro Paese, se è vero che anche la nostra Carta Costituzionale si apre con un Articolo fondamentale che ci rammenta come la nostra Repubblica sia fondata sul lavoro.

Il lavoro dovrebbe essere garantito a tutti gli uomini e tutte le donne che risiedono in Italia. Un lavoro dignitoso, adeguatamente retribuito, da svolgere in condizioni appropriate.
Dico questo per sottolineare che, purtroppo, ci sono lavori che si fanno fatica a definire tali proprio perché non rispettano alcuni diritti. Per cui quando rivendichiamo un lavoro, dobbiamo rivendicare il “lavoro giusto”.

Oltre un anno di pandemia ha indubbiamente creato enormi difficoltà al mondo del lavoro, un mondo che è cambiato in maniera radicale dal 20 Luglio 1889, quando, a Parigi, la celebrazione dell’1 Maggio venne stabilita dal congresso della Seconda Internazionale. L’unica cosa rimasta immutata negli anni è la passione che molte persone riversano nel loro impiego. Una passione che va valorizzata e gratificata.

Dobbiamo fare il possibile per far ripartire il Paese, dobbiamo fare anche l’impossibile per difendere ogni singolo posto di lavoro o comunque per restituire lavoro a chi l’ha perduto, dobbiamo assicurare sostegno e supporto a quelle imprese che l’emergenza sanitaria ha messo in ginocchio.
Solo se riusciremo, tutti insieme, ad arginare al meglio gli effetti devastanti della pandemia, potremo far festa con tutti i lavoratori d’Italia. Buon Primo Maggio!

Articoli scritti da Lucia Ciampi