Giani ama la Toscana. Ceccardi preferisce Bruxelles. La Lega la candida nonostante i suoi scivoloni

La Lega ha scelto Susanna Ceccardi. Una candidatura imposta dall’alto che dubito possa trovare d’accordo anche le altre forze di centrodestra.

Ceccardi ha già mostrato del resto il suo amore per la Toscana, lasciando il posto da Sindaco di Cascina, paese in cui del resto si vedeva pochissimo e per cui non ha fatto niente di rilevante, per ricoprire un incarico ben più remunerativo come quello di europarlamentare. Mi sembra chiaro che preferisca Bruxelles alla nostra regione.

Ceccardi ha mostrato il suo amore per la Toscana e per i suoi concittadini violando le regole in piena emergenza Covid, noleggiando un pullman e recandosi in Spagna, nazione in cui si registrava un’impennata del contagio per andare a prendere “amici” bloccati nella penisola iberica, senza preoccuparsi delle possibili ripercussioni per il nostro territorio. In questo frangente peraltro ricopriva il ruolo di assessore alla sicurezza del Comune di Cascina

Ceccardi ha mostrato il suo amore per la Toscana, per la sua storia e per le grandi riforme che la nostra Regione, prima al Mondo, ha fatto. Se infatti il 30 Novembre del 1786, il Granduca Pietro Leopoldo aboliva la pena di morte, nel 2020 Ceccardi intende abolire la libertà di culto, ignorando la nostra Costituzione e schierandosi contro la costruzione della moschea a Pisa, nonostante il Sindaco stesse cercando un accordo con la comunità islamica.

Cerccardi ha mostrato il suo amore per la Toscana e i suoi concittadini propinando fake news ai suoi seguaci come quella di un attentato n Somalia, avvenuto “solo” 9 mesi prima, per far credere che i soldi del fantomatico riscatto di Silvia Romano fossero andati nelle mani di alcuni terroristi.

Con un invidiabile curriculum di questo tipo mi chiedo come anche le altre forze del centrodestra possano sostenere una candidata che ha mostrato di non essere all’altezza neppure nel suo comune.

E soprattutto mi chiedo a fronte di un candidato come Eugenio Giani che ha girato in lungo e in largo la Toscana, visitando ogni comune dal più piccolo al più importante, rendendo omaggio alle tradizioni e al folklore locale che ha sempre sostenuto, chi potrebbe preferirgli un’improvvisata leghista.

Credo sia fondamentale avere la sicurezza che alla guida di una delle più belle Regioni del Mondo che vanta patrimoni artistici e naturalisti che chiunque ci invidia, ci sia la comprovata conoscenza e la competenza di chi ama davvero la Toscana, come Eugenio Giani.

Articoli scritti da max.frosini