Gli incapaci colpiscono ancora! Il TAR annulla gli atti del Comune di Pisa. Complicazioni per la riqualificazione dello stadio

L’ennesimo pasticcio di un Sindaco e di una Giunta che oltre a scivoloni di assessori e consiglieri, oltre a inaugurazioni di opere avviate e finanziate nella precedente legislatura, ha collezionato solo gaffe e qualche foto sul giornale per sviare l’attenzione dell’opinione pubblica mostrando tutta la sua incapacità amministrativa.

A riprova di questo, arriva la sentenza del TAR che annulla gli atti del Comune di Pisa relativi alla variante urbanistica che aveva mischiato la riqualificazione del nuovo Stadio del Pisa SC e la mancata individuazione di un’area riservata a luogo di culto.

Atti arruffati, chiaramente indirizzati a limitare un diritto, una vera e propria anomalia costituzionale voluta da un Sindaco e da una Giunta che dimostrano una volta di più la loro assoluta inadeguatezza a ricoprire il ruolo di guida di una città che merita tutt’altro.

Adesso con lo stop alla variante si complicano, e non poco, le vicende legate alla riqualificazione dell’Arena Garibaldi tanto attesa dalla società e soprattutto dai molti tifosi pisani. Inutile dire che se a Palazzo Gambacorti fossero state presenti ben altre competenze l’iter sarebbe già ad un altro stato di avanzamento. Ancor più  eloquenti delle mie parole sono quelle della sentenza del TAR che chiariscono come il Comune abbia agito con irragionevolezza, senza un’attenzione ai presupposti amministrativi, con una carenza di diligenza ed estrema imprudenza, con una manifesta assenza di bilanciamento di interessi.

Insomma a questo punto sarebbe opportuno che il Sindaco Conti  e i suoi sodali, che avevano esultato solo pochi giorni fa inneggiando ad una rapida svolta nella riqualificazione dello Stadio, chiedessero scusa ai cittadini e avessero la bontà di rendersi conto di essere inadatti a svolgere un ruolo molto più grande delle capacità che hanno finora dimostrato. Pisa non merita questo.

Articoli scritti da max.frosini