I salvabanche gialloverdi

Non serve un grande sforzo mnemonico per ricordare quando 5Stelle e Lega urlavano sbraitando che il PD era dalla parte delle Banche, perché salvava gli istituti di credito. Hanno portato avanti una campagna di insulti e di odio anche su questo tema e, in pochi minuti, qualche giorno fa, proprio Salvini e Di Maio hanno deciso di salvare la Banca Carige.

Sarebbe semplice apostrofare questo atto come “VERGOGNOSO” oppure attraverso la stessa politica basata sulla macchina del fango, ricoprire di insulti Lega e Movimento 5 Stelle perché continuano a smentire le loro promesse. E per agitare ancor più le acque sarebbe semplicissimo far notare come Guido Alpa, mentore del Premier Giuseppe Conte (che secondo quanto riporta il giornalista Emiliano Fittipaldi sarebbe stato egli stesso un consigliere della banca genovese), abbia un legame stretto con la Banca Carige. Quella che, guarda caso, in pochi minuti l’esecutivo ha deciso di salvare.

Ma una forza politica responsabile e consapevole sta dalla parte dei cittadini, dei correntisti e se un istituto rischia di fallire, plaude a chi lo sostiene, perché per le colpe di alcuni dirigenti non si possono abbandonare persone che vedono svanire i loro risparmi di una vita. Per cui bene hanno fatto Lega e 5Stelle a salvare la Banca Carige, ma a questo punto sarebbe doveroso fare anche un dignitoso “mea cupla” rispetto alle crociate levate fino a pochi mesi fa contro il PD.

Articoli scritti da dpadmin