Il mio intervento in Aula per dichiarare il voto favorevole del PD al provvedimento sull’Election Day

Giovedì 23 Giugno sono intervenuta nell’Aula di Montecitorio per esprimere la dichiarazione di voto del Partito Democratico in merito al provvedimento relativo all’Election Day.

Il testo, necessario per supportare il corretto svolgimento delle consultazioni elettorali che si svolgeranno nel corso del 2022, è stato modificato da una proficua discussione parlamentare e apporta delle migliorie pratiche alle votazioni.

L’elettore potrà inserire direttamente nell’urna la propria scheda elettorale senza porgerla al Presidente di Seggio, mentre nell’articolo 6 e riduce dal 50% al 40% il numero di votanti richiesto per la validità delle elezioni amministrative nei comuni sotto i 15.000 abitanti nel caso sia ammessa e votata una sola lista, l’articolo 7 va a toccare invece le norme per l’espletamento del voto dei cittadini italiani residenti all’estero.

Sono solo alcuni esempi delle modifiche che reca questo provvedimento che presenta altre disposizioni volte a cercare di contrastare l’astensionismo, a garantire sicurezza agli elettori, soprattutto in materia di contagi da Covid-19 (si introduce anche una norma che permette ai positivi al virus di votare), e a produrre un risparmio per la finanza pubblica stimati in circa 200milioni di euro.
Sono demandate ad altro provvedimento le modifiche che interesseranno lo strumento referendario che va rivisto.

Il referendum sulla giustizia ha registrato una delle affluenze più basse della nostra storia repubblicana. Credo che la politica, quella seria, non possa demandare ai cittadini riforme strutturali che competono alle istituzioni.
Qua sotto il video completo del mio intervento.