Il truffatore dell’ultradestra. Il professor “anti-Bergoglio” molto apprezzato anche in Italia

Si è presentato e fatto apprezzare da alcuni leader, tra cui Trump, Salvini e Meloni, come lo stratega dei sovranisti, quello che ha cercato di alimentare il populismo e ha ben rappresentato le posizioni ultraconservatrici della chiesa cattolica. Era il “professore” degli “anti-Bergoglio”, materia che ha saputo insegnare alla perfezione ai suoi “allievi” che a più riprese si sono ritrovati a disquisire sulle scelte del Papa e sugli indirizzi del suo Pontificato.

La figura di Steve Bannon è stata assolutamente centrale per una certa politica in questi anni. Adesso l’ex stratega di Trump, colui che ha fatto aderire il Capitano Salvini e Fratelli d’Italia al raggruppamento “The Movement” è stato arrestato per frode.

Ha truffato coloro che hanno finanziato la campagna online di raccolta fondi We Build The Wall per la costruzione di un muro al confine tra Usa e Messico.

“The Movement di Bannon non è un partito, ma una rete, un’associazione e noi che apparteniamo al campo dei sovranisti e degli identitari è giusto che facciamo parte di questa rete” ha affermato Giorgia Meloni meno di due anni fa, di fatto iscrivendo il suo partito al “Movimento” (The Movement, appunto) che aveva come preciso obbiettivo quello di formare alleanze tra i leader di destra, tra cui Orban e Salvini, per scardinare l’Unione Europa. Peccato che il guru dell’estrema destra internazionale si sia rivelato un truffatore. A questo proposito, so che potrebbe risultare abbastanza scontato, ma è bene ricordare che anche un partito del nostro Pese dovrebbe restituire 49 milioni di euro sottratti illecitamente agli italiani.

Articoli scritti da max.frosini