La Francia sceglie l’Europa

Macron ha vinto e con lui ha vinto l’Europa e anche la speranza di un Mondo che non si chiude alla paura. Macron è stato eletto per il secondo mandato con il 58,6% dei consensi staccando di oltre 17 punti Marine Le Pen a cui per la terza volta i francesi hanno detto di no.
Un voto naturalmente polarizzato che ha visto il Presidente uscente affermarsi soprattutto nelle più grandi città transalpine con percentuali decisamente imponenti. Basti pensare che a Parigi, Macron ha ottenuto più dell’85% delle preferenze.
In molti, soprattutto molti dei tuttologi nazionalisti tra cui ovviamente, hanno cercato di identificare questo successo in quello dell’elite, in realtà credo sia molto più semplicemente un risultato dettato dalla razionalità, da quella che fa comprendere a tante persone come le idee di estrema destra di Le Pen e dei suoi emuli europei siano preoccupanti e possano ricacciare il nostro Pianeta in un egoismo primordiale in cui l’odio, le divisioni, le rivendicazioni sarebbero all’ordine del giorno.
Difficile che in un clima del genere ci sia spazio per un progresso globale.
Per fortuna la Francia è stata saggia e ha scelto l’Europa, la condivisione, l’unione, la pace.

Articoli scritti da Lucia Ciampi