La Lega non finisce mai di strumentalizzare. Ceccardi spaventata dalle sardine, tace di fronte ai “cattivi maestri” del Carroccio!

L’europarlamentare Susanna Ceccardi si è scagliata violentemente contro un insegnante solo perché avrebbe portato a scuola una sardina di cartone per restituirla al proprietario, un suo alunno.

Avrei voluto che l’esponente della Lega fosse intervenuta con la stessa puntualità e caparbietà anche quando un docente di Fiorenzuola d’Arda, sostenitore del suo stesso partito politico, ha minacciato in un post su Facebook di voler bocciare gli studenti che avessero partecipato alla locale manifestazione delle “sardine” e di voler “rendere loro la vita un inferno”, o quando un professore di italiano e storia presso l’istituto d’istruzione superiore Santoni di Pisa ha pubblicato sui social gravissime frasi e offese razziste, violente e xenofobe; oppure quando a Foligno un maestro ha umiliato un bambino nero di fronte alla classe chiedendo ai compagni quanto fosse brutto.

Purtroppo la lista è lunga ma l’opportunismo politico mostrato anche da altri esponenti locali della Lega, lo sciacallaggio e la scorrettezza con cui si dipingono certi episodi non hanno confini.

Articoli scritti da max.frosini