La meraviglia sfregiata

Uno sfregio ad una delle meraviglie naturali più affascinanti dell’intero pianeta, come quello avvenuto poco tempo fa alla Scala dei Turchi sulla costa siciliana di Realmonte in provincia di Agrigento, non poteva rimanere impunito.
Ed è confortante sapere che sono stati individuati i due trasgressori che hanno imbrattato di ossido di ferro la splendente scogliera di marna bianca famosa in tutto il Mondo.
Mi auguro che sia inflitta una punizione esemplare per questo scempio che da un lato ha rischiato di danneggiare un patrimonio dell’umanità e dall’altro ha profondamente ferito gli abitanti di un territorio che rivendica con fierezza questo prodigio della natura.
Vorrei però sottolineare con orgoglio come tanti giovani volontari non abbiano perso tempo, offrendo da subito la loro disponibilità a ripulire la Scala dei Turchi. E in men che non si dica la sensazionale parete di falesia che si erge a picco sul mare è stata ripulita. Un atto di civismo, di appartenenza, di generosità che credo sia doveroso rimarcare come la nota più bella di questa vicenda.

Articoli scritti da Lucia Ciampi