La verità sotto il sole…

La logica dei leghisti è la stessa che siano al governo di una città o all’opposizione di un paese: trovare altri a cui addossare colpe anche proprie. Pochi giorni fa il Sindaco di Pisa, Michele Conti, spalleggiato naturalmente dal deputato Ziello e dall’eurodeputata Ceccardi, riferendosi alle spiaggie di ghiaia di Marina di Pisa, ha dichiarato “inammissbile che si programmi la spianatura il 13 luglio in piena stagione balneare”.

Peccato che l’Assessore all’Ambiente della regione Toscana Federica Fratoni abbia fatto presente che questo intervento sia stato concordato con il Sindaco di Pisa, Michele Conti e con l’Assessore Latrofa esattamente il 3 Giugno scorso. In quell’incontro in cui era presente anche il responsabile del Genio Civile Valdarno inferiore, Francesco Pistone, tutti si sono trovati concordi, come riferisce l’assessore Fratoni, sul fatto che i lavori sulla scogliera sarebbero stati realizzati a settembre mentre la spianatura delle spiagge di ghiaia avviata appena possibile, compatibilmente con le procedure tecniche di affidamento lavori.

Non solo, ma come ha fatto presente l’assessore all’ambiente della Regione Toscana, “la competenza delle opere di manutenzione direttamente connesse e funzionali alla gestione del demanio marittimo, con particolare riferimento ad interventi di riprofilatura stagionale della spiaggia, spetterebbe all’amministrazione comunale”.

Tuttavia in spirito di collaborazione la Regione ha svolto questa attività al posto del Comune per velocizzarne la realizzazione. Non solo, ma ha anche individuato risorse regionali o statali, come in questo ultimo caso, per la copertura finanziaria degli interventi.

Appare un po’ paradossale quindi che il Sindaco di Pisa, Michele Conti e l’Assessore Latrofa, approvino dapprima questi indirizzi salvo poi contestarli qualora si rendano conto che questi provvedimenti non sono benvoluti, e a ragione, dai cittadini. Del resto la Lega Governa così. Addossando colpe e innescando polemiche che amministratori di buonsenso avrebbero evitato agendo diversamente fin dall’inizio. Ma ora che la campagna elettorale è entrata nel vivo ogni titolo di giornale non deve andare sprecato. Conoscere la verità non è irrilevante, soprattutto se poi la popolazione è chiamata a scegliere a chi affidare l’importante incarico di governare un paese, una città, una Regione.

Articoli scritti da max.frosini