Le falsità di un piccolo leghista

Durante la presentazione della lista di centrodestra alle elezioni amministrative di Calcinaia ho sentito il deputato Ziello vaneggiare, in pieno stile leghista, e dire una marea di falsità sul mio conto. Intanto che un deputato incapace come Ziello cerchi di infangare la mia reputazione lo trovo perlomeno ridicolo. Non uso termini come vergognoso perché sono propri solo del suo ridotto vocabolario. Per dimostrarvi senza alcun timore che io, al contrario del deputato Ziello, dico verità e non falsità smonterò punto per punto le affermazioni che, microfono alla mano, ha rilasciato nella serata di presentazione della lista elettorale del Carroccio.

Ziello mi definisce un Sindaco “scarso”, allora confrontiamo il lavoro della mia squadra con quello della sua Giunta a Cascina. Calcinaia ha un piano di investimenti per il 2019 di 15 milioni di euro, Cascina di appena 9 milioni di euro, una bella differenza se si pensa che il Comune di Cascina è grande tre volte quello di Calcinaia. Ma continuiamo e parliamo di ambiente. La differenziata del Comune di Cascina è inferiore a quella di Calcinaia, anche il comune di Ziello e Ceccardi ha provato ad applicare, in malo modo, la tariffazione puntuale. Peccato che i loro cittadini paghino in media bollette superiori del +40% rispetto a quelle che pagano i cittadini di Calcinaia. Sul tema dei finanziamenti quelli attratti dal nostro Comune surclassano quelli di Cascina. Dalla scuola alle piste ciclabili, al comparto sportivo i nostri progetti esecutivi sono apprezzati e finanziati, quelli del Comune di Cascina, no. Tanto per fare un esempio il Comune di Calcinaia riceverà nel comparto scuola 5.500.000 € di finanziamenti, Cascina 0. E non perché a Cascina non servano (li hanno richiesti eccome), solo che i loro progetti sono finiti oltre il 400esimo posto nella graduatoria toscana, quelli di Calcinaia al 4° e al 27°. Calcinaia, inoltre, è un comune che vanta uno tra i più bassi debiti pro-capite della Provincia di Pisa ed è di pochi giorni fa la notizia che i livelli di occupazione della popolazione di Calcinaia superino il 70%. La qualità della vita nel nostro comune e i servizi offerti in relazione alla spesa dei singoli cittadini, facendo qualche rapido confronto, appare quindi migliore di quella di Cascina che risulta difficile affermare sia governata da Ceccardi e Ziello visto che i due si vedono più a Roma o, nel caso di Ziello, a Pisa piuttosto che in un Comune come Cascina che meriterebbe sicuramente più rispetto. Del resto come quasi tutti gli esponenti della destra leghista sembra che Ceccardi e Ziello tengano di più alla loro carriera politica che al loro paese.

Veniamo poi in ordine alle dichiarazioni di Ziello. E’ tornato da Roma dove è stata approvata la legge di Educazione alla Cittadinanza. Vero. Una legge a cui ho lavorato personalmente nella Commissione VII di cui faccio parte (e di cui Ziello non fa parte) e che è stata approvata da tutto il Parlamento proprio grazie all’immenso lavoro svolto anche da parte delle opposizioni a questo Governo che aveva presentato un prima bozza molto rivedibile.

Un’altra sciocchezza detta da Ziello riguarda il Monte Pisano. Da settembre dello scorso anno, ovvero subito dopo l’incendio, ho presentato molte interpellanze e interrogazioni al Governo affinché stanziasse perlomeno i 10 milioni di euro necessari per mettere in sicurezza il Serra e ristorare, almeno in parte, i cittadini che hanno perso la casa nel rogo e le aziende che sono state danneggiate. Appelli caduti invano, vista che la Regione Toscana è stata l’unica a muoversi nell’immediato per dare ai Comuni le prime risorse necessarie per fronteggiare l’emergenze. Cosa ha fatto il Governo? A distanza di 7 mesi dall’incendio e dopo aver respinto una proposta della collega del PD Susanna Cenni che chiedeva 5 milioni per far ripartire il comparto imprenditoriale-agricolo del Monte Pisano, il Governo esce con un provvedimento che concede 2 milioni di euro alle imprese ed ignora nuovamente i cittadini la cui abitazione è stata avvolta dalle fiamme.

La bugia più grossa sparata dal deputato Ziello resta comunque quella che riguarda i fondi Bei, finanziamenti (già programmati nel piano triennale delle opere della Regione Toscana nel 2017) di 2.000.000 € stanziati dal precedente Governo e che questo esecutivo doveva disporre di elargire entro il 12 dicembre, ma che invece ha autorizzato solo 4 mesi dopo, causando non pochi problemi a molte amministrazioni comunali. E, a scanso di equivoci allego a questo post, tutti i finanziamenti intercettati dal Comune di Calcinaia (non quello di Cascina) limitatamente all’ambito scolastico (si parla di oltre 10 milioni d euro) che fanno riferimento ai precedenti Governi, non certo a questo esecutivo incapace ed inconcludente.

Infine il dato che il deputato Ziello si diverte di più a strumentalizzare, quello delle mie presenze in Parlamento. Ogni volta Ziello cita quello delle votazioni, ben sapendo che se un parlamentare è assente un solo giorno da Montecitorio può perdere anche più di 50 votazioni, numero che si incrementa se un deputato, come me, fa parte di più gruppi interparlamentari. L’unico dato che invece fa fede e che guarda caso è riportato da OpenParlamento è quello delle presenze in aula che nel mio caso arriva all’80%. Va precisato poi che rivestendo ancora il ruolo di Sindaco del Comune di Calcinaia e di Presidente dell’Unione Valdera, sono spesso sul nostro territorio ad occuparmi attivamente delle vicende legate al mio paese, a cui sono particolarmente legata, e alla mia circoscrizione. Il deputato Ziello che a Cascina danno per desaparecido, cerca invece di fare il sindaco-ombra di Pisa con scarsissimo successo, visto le gaffe che collezionano ogni giorno la il Sindaco Conti e la sua Giunta. Se invece si parla di attività parlamentare faccio presente all’On. Ziello che ho presentato una proposta di legge come prima firmataria e 27 proposte di legge come co-firmataria, 14 interpellanze e 21 interrogazioni come co-firmataria, una risoluzione in Commissione come prima firmataria, 9 emendamenti e 11 Odg in Assemblea come prima firmataria. A quanto so invece l’On. Ziello non ha presentato proposte di legge come primo firmatario e 3 soli emendamenti e 2 Odg come primo firmatario. In pratica la sua attività in Parlamento è impalpabile, eccezion fatta per le votazioni. A premere i tasti l’On. Ziello si è dimostrato bravissimo. Del resto recita il ruolo del perfetto “yes-man” di Salvini, il soldatino del Capitano che vota sì e no, quando gli viene ordinato.

 

Articoli scritti da max.frosini