Liberi di amare, non di odiare!

Serve una legge contro l’odio? La risposta è sì, perché si è liberi di amare chi si vuole, ma nessuno dovrebbe essere libero di odiare.
Pochi giorni fa a Torino due giovanissime studentesse di 13 anni, e forse mai come in questo caso è necessario sottolineare l’età, sono state aggredite nei pressi del Campus Einaudi da ragazzi che le hanno additate come “lesbiche” perché sulla borsa di una delle due era ben evidente il simbolo della battaglia per i diritti Lgbt. Eva, una delle due giovani, ha subito un colpo al volto che le ha fratturato il naso. Le due ragazze hanno sporto giustamente denuncia.
Risulta perfino paradossale affermarlo, ma serve una legge per sostenere la libertà di essere sé stessi. “Basta ad ogni forma discriminazione”, come in questi giorni hanno avuto modo di affermare tante persone, giovani e meno giovani, nei cortei dei pride che si sono svolti in tutta Italia.
La strada dei diritti non conosce ostacoli che non si possano superare.
La politica deve avere coraggio e approvare al più presto il Ddl Zan.

Articoli scritti da Lucia Ciampi