Mezzi di trasporto scolastico non inquinanti. Tutti i Comuni devono poter accedere ai finanziamenti!

Mi ha fatto piacere apprendere, in Aula, che il Governo ha accolto come raccomandazione il mio Ordine del Giorno che intende allargare la base per il finanziamento di progetti sperimentali per la realizzazione o l’implementazione del servizio di trasporto scolastico con mezzi ibridi o elettrici.

Inizialmente il provvedimento adottato dall’esecutivo premiava con risorse pari a 20 milioni di euro esclusivamente le città con più di 50.000 abitanti che sono incorse nelle procedure di infrazione comunitaria sulla qualità dell’aria.
Mi è sembrato doveroso far presente che riservare i finanziamenti ai soli Comuni con più di 50.000 abitanti sarebbe stato alquanto limitativo, soprattutto in considerazione del fatto che in Italia sono solo 146 le città con una popolazione così elevata.

Considerando poi che i comuni italiani sono oltre 8000, che il servizio pubblico oggetto del provvedimento attiene alla scuola dell’obbligo, che il 70% dei cittadini vive in centri con meno di 5000 residenti e che i servizi di trasporto scolastico sono spesso associati soprattutto per quanto concerne i paesi più piccoli, ho chiesto al Governo di prevedere ulteriori parametri relativi ai comuni per consentire anche a quelli con meno abitanti di poter accedere ai finanziamenti presentando progetti validi.

Ho avuto infatti modo di far notare come, negli ultimi anni, il superamento di valori limite di emissioni nocive come Pm10 e NO2 ha interessato anche territori comunali ampiamente al di sotto dei 50mila abitanti.
Sono felice che a seguito del mio intervento in Aula di Martedì 10 Dicembre il Governo abbia deciso di accogliere il mio Odg come raccomandazione.

Qua sotto il video della presentazione del mio ODG.

Articoli scritti da max.frosini