Occorre stare tutti dalla stessa parte se si vuole vincere il virus!

Prima di affrontare una questione spinosa come quella relativa al contagio Covid 19 credo sia opportuno fare qualche premessa.
Ogni semplificazione di un problema così complesso come l’emergenza epidemiologica che stiamo affrontando è da biasimare.
Un’altra cosa che ritengo sia da evitare a tutti i costi in una situazione delicata come quella attuale è quel gioco nocivo di scaricare la responsabilità di una certa misura o di un determinato provvedimento su un livello istituzionale piuttosto che su un altro.
La battaglia per vincere il virus deve vedere le istituzioni (di ogni livello) e i cittadini schierati dalla stessa parte.
Non entro nel merito delle singole misure adottate dal Governo, anche se lo scopo mi pare ben evidente, ovvero quello di evitare il collasso del sistema sanitario e di impedire di arrivare all’estrema ratio di un lockdown generalizzato.
Quello che è certo è che emergenza sanitaria e emergenza economica devono andare dello stesso passo. Ogni qualvolta cioè si prendono decisioni che vanno a penalizzare determinati settori occorre prevedere un pacchetto di indennizzi per salvaguardare gli stessi. Da questo punto di vista è giusto che l’esecutivo faccia tutto quello che è in suo potere e anche di più se possibile per salvare interi comparti del nostro sistema produttivo.
Comprendo come sia facile cambiare opinione nel giro di pochi giorni, figuriamoci di qualche mese, ma consiglierei vivamente a coloro che in estate dicevano che non c’era nessun rischio e che il virus era scomparso, di astenersi in questo frangente dal dispensare insegnamenti o dal rimproverare chicchessia sul fatto che il nostro Paese non si è fatto trovare pronto in autunno. Ogni riferimento a chi si spendeva in selfie, comizi senza distanziamento sociale e promuoveva assembramenti è volutamente circostanziato.

Articoli scritti da max.frosini