Panchine Rosse e una giornata da non dimenticare…

Ho preso parte con piacere all’inaugurazione del rifacimento di Piazza Jan Palach a Fornacette che ha visto anche l’installazione di due panchine rosse.

 

Un modo per ricordare nuovamente che la Giornata dell’eliminazione della violenza contro le donne non è solo quella istituita il 25 Novembre, ma deve essere ogni singolo giorno.

 

Ho notato con piacere che le due panchine rosse contengono una targa su cui, tra l’altro, è inciso anche il 1522, ovvero il numero antiviolenza e antistalking.

 

Un numero da ricordare e contattare ogni qualvolta si assiste o si è oggetto di una violenza di genere. Da questo punto di vista purtroppo i dati parlano chiaro. Il 68% delle violenze di genere riguarda le donne e la stragrande maggioranza di questi atti sono compiuti da persone molto vicine alle loro vittime.

 

Bene ha fatto il Comune a volere che queste panchine rosse, simbolo di una battaglia di civiltà e di una lotta contro i soprusi si staglino in un parco a ricordare quanto sia importante non abbassare mai la guardia di fronte a fenomeni così deprecabili. Grazie a Iria e a tutte le magnifiche donne della Sartoria della Solidarietà per la bella festa e per il loro contributo, mai banale, sempre denso di valori e significati.

 

In Parlamento stiamo lavorando per equiparare certi atti a veri e propri crimini, ma dobbiamo anche fare in modo che le vittime delle violenze siano libere di denunciare e che possano essere sostenute nel momento del bisogno. L’eliminazione dei femminicidi e di altri gesti ugualmente orribili deve essere l’obbiettivo da raggiungere in una battaglia culturale che ha alla sua base il rispetto e che deve vedere uomini e donne lottare sullo stesso fronte.

Articoli scritti da max.frosini