Per la didattica a distanza, giusto far decidere alle Regioni

La scuola, come ha segnalato anche pochi giorni fa l’Istituto Superiore della Sanità, non è un contesto primario di trasmissione ma potrebbe comunque amplificare un indice di contagio già alto.

Ritengo quindi che le Regioni, che hanno una conoscenza territoriale approfondita e competenza in materia, siano gli enti preposti per valutare al meglio le misure da adottare.

La scelta di Veneto e Friuli di mantenere la Dad va accettata come del resto la volontà della Toscana di riprendere la didattica in presenza: in queste settimane ho potuto verificare, non solo come parlamentare ma anche come ex insegnante ed amministratore locale, il buon lavoro fatto dalla Giunta Giani e dai tavoli prefettizi

Articoli scritti da Lucia Ciampi