Per le vie di tante città italiane si è alzata una ventata di speranza e di futuro

Una ventata di speranza, di futuro, di consapevolezza si è alzata Venerdì 24 Settembre dalle vie e dalle piazze di tante città italiane.

Erano migliaia i giovani che hanno preso parte allo sciopero per il clima con gli striscioni Fridays for Future, chiedendo a gran voce un cambiamento del nostro stile di vita, un’attenzione alle loro legittime richieste, nuovi paradigmi per la società in cui la salvaguardia del pianeta diventi una priorità per la politica, per l’opinione pubblica, per la produttività industriale e per l’intero comparto dell’energia.

Queste ragazze e questi ragazzi parlano la lingua della scienza, di tanti esperti che da tempo ci stanno mettendo in guardia sulla catastrofe climatica cui andremo incontro se non cominceremo da subito a fare qualcosa d concreto per il nostro Pianeta. Come dicono i giovani di Roma, Torino, Bari, Genova, Venezia, Milano è il momento di agire e di farlo adesso. Servono misure incisive, serve il coraggio di proporle e realizzarle. Il nostro Governo è chiamato ad offrire risposte. Dobbiamo farlo perché questi giovani sono il nostro futuro e non ci sarà futuro per loro se non interveniamo maniera decisa sul presente.

Articoli scritti da Lucia Ciampi