Più voce all’Europa nel ricordo di Antonio Megalizzi

Sono passati più di tre anni da quando Antonio Megalizzi insieme all’amico e collega Bartek Niedzielski sono stati uccisi barbaramente a Strasburgo da alcuni terroristi. Due ragazzi brillanti, pieni di energia che con passione sostenevano e raccontavano cos’è l’Europa, smentendo sistematicamente bufale montate ad arte da nazionalisti improvvisati che nell’UE cercavano un capro espiatorio per portare avanti le loro idee sovraniste.

Grazie ad un’intuizione di Tiziana Cavallo e all’impegno della deputata del PD, Alessia Rotta, è stato possibile costruire un fondo intitolato ad Antonio che supporterà le emittenti radiofoniche universitarie.

Il Decreto Attuativo reso possibile grazie all’impegno di Anna Ascani permetterà a chi intende avviare progetti di informazione radiofonica universitaria di ricevere le risorse adeguate per portare avanti queste iniziative.

Credo sia il modo migliore per omaggiare l’informazione seria, quel giornalismo non urlato e non sensazionalistico che basa sui fatti la propria natura che non ha paura di approfondire e dipanare la complessità che si nasconde dietro ogni scelta.

Così il lavoro di Antonio non andrà perduto, le sue convinzioni e i suoi principi echeggeranno, sono sicura, dai microfoni di molte radio universitarie.

Articoli scritti da Lucia Ciampi