Quando l’ignoranza o la demagogia superano ogni confine…

La Lega ha sdoganato l’ignoranza e la demagogia. Non sono parole usate a sproposito, ma quelle più appropriate per descrivere un post di Massimiliano Capitanio, parlamentare del Carroccio. Un messaggio di un’incompetenza abissale e di un’irresponsabilità assoluta.

Facendo riferimento al titolone di un’edizione del Corriere della Sera del 2002 che dava notizia dell’omicidio Marco Biagi, l’onorevole leghista ha avuto la bella idea di commentare con queste parole “Questa è la Bologna di chi ieri (invano) non avrebbe voluto farci manifestare. Dopo il 26 Gennaio questa Bologna sparirà del tutto”.

Ecco, come tutti sanno, Marco Biagi fu barbaramente ucciso da un nucleo delle Nuove Brigate Rosse così come successe qualche anno prima a Massimo D’Antona. Pagine bruttissime della nostra storia recente. Ad ogni personaggio pubblico dotato di un minimo di buonsenso non dovrebbe mai venire in mente di paragonare questi omicidi ad un corteo di protesta.

Ma a quanto pare ormai non ci sono più argini all’assennatezza. Si pensa di poter dire e scrivere qualsiasi cosa al solo fine di creare “seguito” sui social o di scatenare messaggi di odio verso bersagli che cambiano di volta in volta a seconda delle opportunità. Ci siamo ridotti a questo. Penso sia una grande sconfitta per l’intelligenza umana.

Qua sotto il messaggio di Capitanio.

Articoli scritti da max.frosini