Salvini si atteggia a Re Sole, ma l’Europa non gira attorno alla Lega!

Forse, a qualche giorno di distanza dalle elezioni europee, è arrivato il momento di mettere in chiaro alcune cose. La Lega ha senza dubbio riscosso un grande consenso in queste consultazioni, il che ha giovato molto sull’autostima del Ministro dell’Interno che ha raggiunto livelli astronomici.

Salvini ormai è infatti preda della sindrome del Re Sole, pensa che l’intero Universo ruoti intorno al partito del carroccio.

Se invece ci alziamo solo di qualche chilometro rispetto al suolo terrestre ed osserviamo la situazione dell’Europa, notiamo che l’Italia è l’anomalia e che nonostante il voto che Salvini definisce come “exploit che muta la geografia in Europa”, ben poco è cambiato nello scenario a 28 stelle.

Le forze anti-europee, per la maggior parte di destra o estrema destra, avranno 171 seggi contro i 154 che avevano nel parlamento uscente, a fronte dei 751 membri di cui è composta l’assemblea. Definirlo uno “sfondamento” direi che è del tutto inappropriato. Pensare di dettare condizioni da questa posizione è invece letteralmente folle. Invece di illudere gli italiani, forse è arrivato il momento di dire loro la verità.

Nessuno in Europa appoggerà la volontà velleitaria e propagandistica di Salvini di sforare i parametri e fare indebitare ancora di più il nostro paese. Cosa peraltro pericolosissima proprio per la nostra economia e per i risparmi di tutte le famiglie italiane. E’ giusto che di questo siano al corrente gli elettori dell’area anti-europeista (Lega, FDI, M5S) che in Italia sfiora il 60% e che, molto probabilmente, come è accaduto alle politiche del 2018, sono stati ingannati dalle vane promesse salviniane.

Articoli scritti da max.frosini