Se anche la Lituania trema

Ci sono nuovi fatti che non lasciano presagire un futuro di pace e serenità per il nostro pianeta. Un deputato del partito Russia Unita ha infatti presentato alla Duma un disegno di legge che annulla la risoluzione del Consiglio di Stato dell’URSS “Sul riconoscimento dell’indipendenza della Repubblica di Lituania”.

Nel testo di questa farneticante proposta si legge inoltre che la Federazione Russa sarebbe il successore legale dell’URSS, quasi a far intendere come possa legittimamente avanzare mire sulla Lituania, la cui indipendenza risale a ormai 31 anni fa.

Considerando che non lontano da Vilnius è presente una base NATO con un campo di addestramento a Parabrade e che la Lituania fa parte dell’Europa, è evidente che questa mossa non sia di buon auspicio per la serenità del nostro continente e, più in generale, del Pianeta. L’augurio è che questa richiesta di annullamento dell’indipendenza della Lituania rimanga lettera morta e Putin non sia così spregiudicato da poter pensare che altre iniziative di questo tipo, o peggio ancora belliche, non abbiano nessuna conseguenza.

Articoli scritti da Lucia Ciampi