Serve più rispetto nei confronti degli altri, perché la salute non si compra!

Solo un paio di giorni fa, Elena Pagliarini, l’infermiera divenuta un’icona della lotta a questa pandemia oltre che per il suo innegabile impegno anche per la foto che la ritraeva sfinita e addormentata alla propria scrivania, consigliava a tutti i cittadini di non sottovalutare il virus e le disposizioni vigenti per evitare di farsi servire il Pranzo di Natale in una struttura ospedaliera.

Un invito simpatico e decisamente accorato a cui molti leoni da tastiera hanno risposto nel solito modo becero e incivile, arrivando perfino ad offendere una persona a cui dovremmo essere solamente grati.

A guardare qualche foto delle principali città italiane in questo weekend, sorprende inoltre quanto l’appello di Elena, ma anche di molte sue colleghe e colleghi o del personale medico, sia rimasto del tutto inascoltato. Spesso anche in aree arancioni o rosse si sono potuti infatrtti osservare assembranti sulle vie dello shopping.

Serve buonsenso. Ci sono acquisti non essenziali che si possono sicuramente fare in altri modi e in altri giorni, senza rischiare di compromettere la propria salute e quella degli altri, senza rischiare di vanificare il grande sforzo collettivo che il nostro Paese ha fatto e sta facendo per arginare il contagio. La noncuranza mostrata da alcuni verso alcune regole basilari si può ripercuotere sulla salute di altre persone. Il futuro prossimo dell’Italia si gioca anche sul senso di responsabilità che sapremo dimostrare come comunità. Salvarci è semplice. Basta avere rispetto…per gli altri.

Articoli scritti da Lucia Ciampi