Sintomi di ignoranza e superficialità

Il tweet di Claudio Borghi che paragona la vaccinazione al Covid alla profilassi per l’HIV di una persona LGBT è semplicemente sintomo di una cialtroneria e di un’ignoranza abissale. In 140 caratteri l’esponente della Lega è riuscito con un’abilità invidiabile a trattare due temi seri con una superficialità e una sciatteria incredibile. Innanzitutto il nesso logico che dovrebbe collegare le due cose sfugge alla ragione di ogni essere senziente ma, fatto ancora più grave, è pensare a distanza di anni che l’HIV sia legata esclusivamente al mondo LGBT.

Postulato falso in cui serpeggiano inevitabilmente toni discriminatori. I virus, ormai credo che lo sappiano anche i bambini, non fanno distinzioni alcuna. L’unico che prova a farne è un politico, peraltro ben considerato nelle fila del carroccio, che scrive scempiaggini senza la benché minima cognizione di causa.

Non è facile, in effetti, interloquire con qualcuno che mischia argomenti completamente differenti e continua a credere di essere dalla parte della ragione. Da questo corto-circuito cerebrale si può uscire solo con la consapevolezza che la conoscenza e l’umiltà dovrebbero essere i valori da cui ripartire.

Articoli scritti da Lucia Ciampi