Tra richieste di protezione internazionale e neo atlantisti dell’ultimora

La Camera dei Deputati ha dato il suo via libera alla ratifica dei protocolli al Trattato del Nord Atlantico sull’adesione di Finlandia e Svezia.

Un passaggio importante che aspetta solo la conferma al Senato. Dopo l’aggressione di Putin, all’Ucraina, dopo le minacce arrivate dal Cremlino, era più che legittimo aspettarsi una richiesta di protezione internazionale da parte di nazioni che temono per la pace nei loro paesi. La spinta arrivata anche dai cittadini è stata essenziale per far avanzare la domanda di Svezia e Finlandia di adesione alla NATO.

Una domanda che spero venga accolta al più presto. In merito invece ad alcune dichiarazioni di leader politici favorevoli a questa svolta, invito i cittadini a diffidare dei neo-atlantisti dell’ultima ora.

Sull’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato, difficile ad esempio dimenticare le dichiarazioni di Salvini secondo cui questa richiesta sarebbe stata “inopportuna” e avrebbe “allontanato la pace”. Insomma c’è chi cambia idea fin troppo velocemente a seconda dell’opportunità e del momento. Non credo che questi siano requisiti ideali per chi ambisce a governare un paese.