Tre donne d’ingegno, tutte laureate all’Università di Pisa, che possono cambiare il nostro Paese

E’ stato un immenso piacere leggere che tre donne, tutte laureate all’Università di Pisa sono state inserite nell’elenco delle donne che possono cambiare il nostro Paese dal punto di vista dell’informazione della comunicazione e della tecnologia.

In questa particolare lista, stilata dalla rivista specializzata in ITC, “Startup Italia” figurano i nomi di Laura Abba, Anna Vaccarelli e Angela Pirri.

Angela Pirri ha studiato all’Università di Pisa prima di ottenere un dottorato di ricerca in Fisica sperimentale a Siena. E’ stata Vice Sindaco di Pontedera e assessore nella Giunta Millozzi ed adesso è Presidente del Consiglio Comunale. E’ la donna-laser che ha lavorato allla Vrije Universiteit di Amsterdam e alle applicazioni di nuove fonti coerenti nell’ultravioletto estremo basato su armoniche laser di alto ordine all’European Laboratory for Non-linear Spectroscopy (Lens) di Firenze. Dal 2008, è ricercatrice all’Istituto di fisica applicata del Cnr di Firenze, dove lavora a un laser a stato solido.

Anna Vaccarelli si è laureata a Pisa in Ingegneria elettronica ed è stata prima tecnologa dell’Istituto di Informatica e Telematica (Cnr-Iit) del Cnr di Pisa e dal 2004 è responsabile delle Relazioni esterne, media e comunicazione del Registro.it, l’anagrafe dei domini.it, gestito dallo Iit del Cnr. E’ stata anche tra le ideatrici dell’Internet Festival di Pisa e ha curato trasmissioni di divulgazione scientifica. Coatrice di oltre cento pubblicazioni si è occupa anche di cyberbullismo e sicurezza informatica.

Laura Abba, originaria di Marina di Massa, si laurea all’Università di Pisa in Matematica e dal 2002 è dirigente tecnologo allo Iit-Cnr di Pisa. Impegnata a promuovere in Italia la Internet Governance come nuovo campo di ricerca interdisciplinare. Fra i massimi esperti di cultura e tecnologie Internet, partecipa fin dall’inizio ai progetti che hanno introdotto Internet in Italia. Membro del Consiglio direttivo del capitolo italiano della Internet Society, l’associazione fondata da chi ha creato la rete, partecipa al processo dell’Internet Governance Forum, l’organismo attivato dalle Nazioni Unite per facilitare il dialogo tra tutte le parti interessate allo sviluppo del sistema Internet.

Insomma tre donne d’ingegno, tre studiose che donano lustro alla nostra città e all’Università di Pisa, ateneo che continua ad essere fucina di talenti molto apprezzati In Italia e a livello internazionale. Da donna e da politica tutta la mia ammirazione per il prezioso riconoscimento ottenuto da Angela, Anna e Laura.

Articoli scritti da max.frosini