Un importante aiuto dalla Regione e dall’Europa per la transizione

Un’attenzione particolare ad un settore che sta vivendo un momento decisamente complicato, arriva dalla Regione Toscana che ha chiesto all’Europa e ottenuto il via libera dalla Commissione Europea di inserire parte della Provincia di Pisa tra le cosiddette “zone svantaggiate” che potranno così ottenere risorse importanti da Bruxelles.

La domanda regionale di ridisegnare la carta degli aiuti arriva proprio per sostenere con contributi a fondo perduto regionali e nazionali le grandi, ma anche le piccole e le medie imprese. In particolar modo questo provvedimento potrà dare una mano al settore automotive che è chiamato a reinventarsi per gestire al meglio la transizione che porterà alla produzione di vetture elettriche.

Nel nostro territorio dove insistono aziende come Piaggio e Asso Werke si tratta di un supporto davvero significativo in grado di compensare in parte gli investimenti necessari per la reindustrializzazione di aziende in cui, è doveroso ricordarlo, lavorano moltissime persone, precisamente il 47,1% dell’intero comparto automobilistico toscano. Considerando che nell’area pisana si concentra il 9% delle imprese del settore automotive della Regione, ritengo che la scelta del Presidente, Eugenio Giani e dell’Assessore all’economia, Leonardo Marras, sia stata saggia e lungimirante e mi auguro possa dare, anche in termini di ricerca e sviluppo, una spinta a questo comparto e al suo indotto.