Una regione non proprio “in salute” che propone piani e modelli…

Che la Lombardia e la sanità lombarda non godano di particolare stima e non possano essere propriamente definite “in salute” credo ormai sia sotto gli occhi di tutti, dopo le incredibili vicende che si sono succedute nel corso di quest’anno. Tuttavia l’ineffabile Presidente Attilio Fontana, spalleggiato immancabilmente da Matteo Salvini ritiene che il piano della vaccinazione lombardo promosso da Bertolaso possa essere un modello da applicare a tutta Italia. Ora, confessandovi candidamente che non conosco i dettagli di questo programma, mi pare evidente che lo stesso non sia stato “bocciato da Roma” come sostengono il sempre più incauto Fontana e la neo-assessora alla sanità Lombarda, Letizia Moratti.

Mi pare evidente che il CTS e anche il nuovo Governo debba avere l’opportunità perlomeno di valutarlo, tanto più che in molti hanno espresso non pochi dubbi sulle dichiarazioni di Bertolaso che garantiva che entro la fine di giugno tutti i lombardi sarebbero stati vaccinati. Senza contare che, al momento, ci sono regioni che si stanno comportando decisamente meglio della Lombardia anche sul piano delle vaccinazioni in rapporto alla popolazione. La Toscana vanta ad esempio numeri di assoluto riguardo speculari a quelli lombardi.

L’unico consiglio che mi sento di dare agli esponenti del Carroccio è quello di non fare della demagogia su un tema così importante. Sono sicura che tecnici ed esperti sapranno valutare il modello migliore per tutta Italia.

Articoli scritti da max.frosini