Vedi alla parola “amore”…

Dai cartoni animati alla realtà nello spazio di un dibattito. Giorgia Meloni e più in generale gli esponenti di Fratelli d’Italia hanno un concetto molto particolare della parola “amore”. Lo si è compreso perfettamente in questi giorni da due distinti eventi.
Il primo è la crociata contro Peppa Pig condotta dal responsabile Cultura di Fratelli d’Italia, Federico Mollicone, che si è scagliato con veemenza contro la simpatica maialina inglese che nella sua ultima avventura osa fare amicizia con una piccola orsacchiotta che è accudita da due mamme.
Il noto militante di Fratelli d’Italia reclama a gran voce la censura del cartone, come se la realtà che ci circonda non esistesse. E che nel partito della Meloni persistano grossi problemi nel comprendere e declinare la parola “amore” lo si è capito plasticamente nel faccia a faccia che la stessa ha avuto con il segretario del PD, Enrico Letta, durante l’incontro organizzato dal Corriere della Sera. Riporto parola per parola questo passaggio ch credo sia emblematico di quanto scritto.
Giorgia Meloni: “I bambini hanno bisogno di un padre e una madre.”
Enrico Letta: “No, i bambini hanno bisogno di amore”.
Giorgia Meloni: “Lo Stato non norma l’amore”
Enrico Letta: “Appunto: tu lo stai normando. Stai decidendo quale è amore e quale non è”.
Aggiungere altre parole credo sia inutile, come le velleità di chi intende guidare un Paese senza avere un’idea di quello che accade nella nostra società, delle sue continue evoluzioni, dei suoi cambiamenti.
Il 25 Settembre chi pensa che sia più sano basare le fondamenta di un paese su amore e comprensione, anziché su odio e divieti, non può che scegliere Partito Democratico.