Verona, la Lega e i capofamiglia…

A quanto pare a Verona ci sono ancora dei “capofamiglia” chiamati ad orientare, tra le mura della propria casa, il voto per moglie e figli. O almeno questa è la visione retrograda di Federico Sboarina, Sindaco uscente (c’è da sperare che lo sia ancor di più dopo le elezioni comunali) e rappresentante della destra veronese che in questi giorni ha avuto la bella idea di far recapitare a tutti i “capofamiglia” della città di Romeo e Giulietta (è probabile in effetti che sia rimasto con la testa alle casate di Montecchi e Capuleti) pubblicità elettorali.

Un errore materiale che nasconde una visione medievale di una città meravigliosa che merita tutt’altro. Occorre riportare Verona nel presente e assicurarle attraverso progetti lungimiranti e visionari, l’innovazione e la modernità che merita. Sboarina e i partiti che lo sostengono sono ancorati al passato, con il candidato del PD, Damiano Tommasi, la città scaligera può fare un bel salto avanti nel futuro. Un salto che i cittadini di Verona possono spiccare Domenica 12 Giugno in occasione delle elezioni comunali. E allora forza veronesi e forza Damiano!

Articoli scritti da Lucia Ciampi